Le Funzioni e l’importanza del Calcio

La quantità di minerali presenti nel corpo umano corrisponde a circa il 4% del peso corporeo.

Costantemente , attraverso il sudore , le urine e  le feci l’organismo espelle i Sali minerali, ecco perché questi vanno reintegrati costantemente.

I Sali minerali vengono suddivisi in tre grandi categorie:

  • Macroelementi

  • Microelementi

  • Oligoelementi

Il calcio appartiene alla categoria dei macroelementi poiché il nostro organismo deve assumerne un quantitativo superiore ai 1000 mg al giorno.

Il calcio è un minerale fondamentale, necessario per il sistema nervoso, per la formazione di denti e ossa, per la proliferazione cellulare ,per la trasmissione degli impulsi nervosi,  per la coagulazione sanguigna e per il corretto funzionamento di numerosi enzimi, la sua mancanza costante nell’organismo può favorire gravi malattie come il rachitismo e l’osteoporosi.

Quando non ne introduciamo in quantità sufficiente , l’organismo va ad attingere dai depositi di calcio presenti nelle ossa, che cedono quindi calcio continuamente. Il calcio immagazinato nelle ossa viene poi reintegrato attraverso l’alimentazione.

Il fabbisogno di calcio cambia nel corso del ciclo vitale, ci sono tabelle indicative di riferimento a seconda del genere e dell’età . Fondamentale per la crescita  nell’infanzia e nell’adolescenza ,  fino ai 30 anni circa, le perdite di calcio sono generalmente inferiori alle quantità assunte. Dai 30 anni in avanti  , l’organismo entra in una situazione di “bilancio negativo del calcio”,ovvero le ossa cedono più calcio di quanto ne riescano a trattenere. Quando viene perso troppo calcio, le ossa diventano fragili od “osteoporotiche”.

A cosa stare attenti :

  • Le diete ad elevato contenuto di proteine aumentano le perdite di calcio con le urine.   Le proteine animali sono responsabili di perdite di calcio maggiori rispetto alle proteine vegetali.
  • La caffeina aumenta le perdite di calcio con le urine.
  • Le diete ricche di sodio aumentano le perdite di calcio con le urine.
  • L’alcol inibisce l’assorbimento intestinale di calcio.

 

Cosa previene la perdita fisiologia di calcio :

Il boro può rallentare le perdite di calcio dall’osso.
L’esercizio fisico e una dieta con un equilibrato apporto di proteine aiutano a mantenere forti le ossa.
Il calcio è un nutriente essenziale per tutti, ed è importante assumerne regolarmente le giuste quantità .

 

Una dieta bilanciata e una corretta idratazione sono un ottimo punto di partenza per la prevenzione di malattie legate al deficit di calcio.

In particolare le acque minerali ricche di calcio (oltre 150 mg/L) e povere di sodio (inferiore a 20 mg/L) costituiscono un’ottima fonte di calcio supplementare facilmente assimilabile. L’assunzione di 1.5-2 litri di acqua al giorno, preferibilmente fuori pasto, fornisce una quantità di calcio di almeno 450-600 mg.
Nella Tabella 1 è riportato il contenuto medio di calcio per 100 grammi di alimento.

Basta uno sguardo veloce per capire quanto sia facile, con un po’ di attenzione, assumere tutto il calcio necessario.

Fabbisogno di calcio

  • Lattanti (6 mesi – 1 anno): 600 mg
  • Bambini 1-6 anni: 800 mg
  • Bambini 7-10 anni: 1000 mg
  • Ragazzi 11-17 anni, oppure in gestazione o allattamento: 1200 mg
  • Adulti 18-29 anni: 1000 mg
  • Uomini 30-59 anni: 800 mg
  • Uomini oltre i 60 anni: 1000 mg
  • Femmine 30-49 anni: 800 mg
  • Femmine oltre i 50 anni: 1200-1500mg

 

Acqua Lete, è in grado di fornire  un adeguato apporto di calcio (325 mg/L) facilmente assorbibile per altre proprie caratteristiche, quali l’elevato contenuto di CO2, bicarbonati e la bassa concentrazione di sodio.

Fonte: Dati  Società Italiana di Nutrizione Umana-SINU, 2014

Recommended Posts

Leave a Comment